Simmo tutte Sioux – Terroni uniti

La donazione è libera, ma ti consigliamo una donazione minima di 4€. Questa cifra minima ci permette contemporaneamente di sostenere l’opera e la gestione di questo sito.

 
Cliccando su "Continua" si accettano tutti i Termini e le condizioni.
Pagamento
I pagamenti vengono effettuati tramite PayPal. PayPal accetta pagamenti dalla maggior parte delle carte di debito / credito importanti senza un conto PayPal.
Rimborsi
Non garantiamo il rimborso, ma faremo di tutto per risolvere eventuali problemi. Il nostro obiettivo è la vostra soddisfazione al 100%.

Download
Dopo aver effettuato la donazione il link per il download viene inviato via e-mail. Se non arriva immediatamente, controllate in spam.

CONDIVIDI

Sinossi

Dopo il successo del brano “Gente do sud“,  con cui i Terroni Uniti stanno portando il loro messaggio di accoglienza e fratellanza dei popoli in tutto il Paese fino ad espugnare Pontida, la roccaforte della Lega in cui lo scorso maggio hanno tenuto un concertone  antirazzista, il collettivo di artisti napoletani ritorna con un nuovo singolo “Simmo tutte Sioux”, a sostegno  di una nuova causa, questa volta oltreoceano.

Da Napoli a Standing Rock, il canto dei Terroni uniti si unisce alla causa delle popolazioni indigene che vivono nei territori compresi tra il tra North Dakota e South Illinois, attraversati dai fiumi Missouri e Mississippi. All’inizio del 2016 queste popolazioni hanno dato vita a una protesta conosciuta come “NODAPL” (No Dakota Access Pipeline) contro la costruzione di un oleodotto che viola una terra considerata sacra e che costituisce una minaccia per il loro approvvigionamento d’acqua. Con un presidio nei pressi della riserva di Standing Rock, i “Water Protectors” hanno difeso per mesi una terra della quale si sentono custodi e non proprietari, proteggendo l’acqua e quindi la vita. I Terroni Uniti manifestano con questa canzone la loro vicinanza ai Water Protectors, pubblicando anche un  video, per la regia di Luciano Filangieri, in cui  condividono un sentimento di preoccupazione per il destino della terra.

L’utilizzo di parole e simboli indigeni non vuol essere una forma di appropriazione culturale, ma un tentativo di divulgare le ragioni della protesta, con il massimo rispetto e con la consapevolezza che la musica sia il mezzo più potente per veicolare messaggi, quindi  NoDapl ma anche  No Tav, No Triv, No Expo, No Tap e no a quella globalizzazione che costruisce muri anziché abbatterli.

 

Tracklist

  1. Simmo Tutte Sioux

Scheda Tecnica

Artista:
Genere: Musiche dal mondo
Artisti: Roberto Colella, Brunella Selo, Franco Ricciardi, Marcello Colasurdo, Alan Wurzburger, Valentina Stella, Andrea Tartaglia, Ciccio Merolla, Maurizio Capone, Picciotto, Carmine D'Aniello, Piotta, Tommaso Primo, Valerio Jovine, Speaker Cenzou, Pepp Oh, Dope One, Oyoshe, 'O Zulù, Assia Fiorillo, Eugenio Bennato, Maurizio Affuso, Aldolà Chivalà
Musicisti: Massimo Jovine (basso), Antonio Esposito (batteria), Ciccio Merolla (percussioni), Gianfranco Campagnoli (tromba), Arcangelo Michele Caso (violoncello), Giuseppe Spinelli (chitarra), Gianpaolo Ferrigno (chitarra), Carmine Guarracino (chitarra manuche), Joe Petrosino (bouzuki), Igea Montemurro (violino), Giordana Curati (fisarmonica), Maurizio Capone (scopa elettrica)
Tecnici: Alessandro Aspide, Beatbox Pro Lab Sound, Luca De Gregorio, Noon Studio
Studi di registrazione: Antonio Esposito e Giuseppe Spinelli @TpStudio // Luca "Satomi" Rinaudo @Zeit Studio, PA // @La Zona, ROMA
Anno:
Durata: 4'

Video


Simmo tutte Sioux

Iscriviti alla newsletter