Sguardi incrociati

Contesti postcoloniali e soggettività femminili in transizione

La donazione è libera, ma ti consigliamo una donazione minima di 23€ (sped. postale inclusa). Questa cifra minima ci permette contemporaneamente di sostenere l’opera dell’autore e la gestione di questo sito.

CONDIVIDI

Sinossi

Donne di diverse provenienze provano a ridefinire attraverso una narrazione a sguardi incrociati un noi collettivo al femminile per il nostro tempo.

Nell’ambito del più ampio dibattito sulle possibili forme di emancipazione a fronte dei dispositivi di potere esercitati dall’attuale sistema di produzione tardo capitalista, il libro si propone, in particolare, di affrontare in chiave critica il costrutto di emancipazione femminile che emerge dal confronto interculturale tra donne di diverse origini. La prima parte del volume si compone dei saggi di alcune studiose – tra cui Renate Siebert, Anna Vanzan, Afef Hagi – che da anni si occupano di pensiero postcoloniale, ora attraverso lo studio di autrici del sud del mondo, ora indagando empiricamente le trasformazioni delle società medio orientali e nord africane (ad esempio, le primavere arabe in Tunisia). La seconda parte riporta gli esiti di un percorso di ricerca-azione svoltosi a Parma nel 2013-2014 sul tema delle soggettività femminili postcoloniali nei contesti di immigrazione formulando la proposta metodologica di una narrazione a sguardi incrociati.

Scheda Tecnica

Autore: Vincenza Pellegrino (a cura di)
Editore:
Collana: Studi&Ricerche
Formato: Cm 15,5 x 21
Pagine: 144
Anno: