Canti d’amore e di libertà del popolo kurdo

La donazione è libera, ma ti consigliamo una donazione minima di 17€ (sped. postale inclusa). Questa cifra minima ci permette contemporaneamente di sostenere l’opera dell’autore e la gestione di questo sito.

CONDIVIDI

Sinossi

Canti d’amore e di libertà del popolo kurdo, antologia di poesia kurda dal settimo al XXI secolo, unica pubblicata in una lingua europea, è un tributo a un popolo che ha combattuto e vinto in nome dell’umanità la guerra contro lo stato islamico e che deve continuare a combattere da solo contro le gigantesche forze dei regimi tra cui è diviso, per difendere la propria esistenza, per costruire la propria storia.

Unico grande popolo al mondo a non avere uno Stato, il popolo kurdo resiste da un secolo alle campagne di genocidio e ai tentativi di annientamento della propria identità, lingua, cultura da parte dei regimi tra cui il Kurdistan è diviso nel silenzio complice delle potenze mondiali. Da molto tempo è calato il sipario sugli eredi dei Medi in ogni settore: archeologia, arte, studi linguistici, tradizioni musicali, letteratura e folklore, ma il popolo kurdo continua a resistere a guerre, massacri, deportazioni. Negli ultimi anni, ispirato dagli scritti storico-filosofici che giungono dall’isolamento carcerario del leader Abdullah Ocalan, nel territorio del Kurdistan occidentale, il Rojava, in Siria, nel corso di una guerra atroce offre al mondo lo straordinario esempio di una rivoluzione che – attingendo alle radici della civiltà kurda – afferma in pace e in guerra il ruolo della donna e il rispetto delle diverse etnie e religioni.

Scheda Tecnica

Autore:
Editore:
Pagine: 162
Anno: