Shuluq

Vento di mezzogiorno

Trailer

La donazione è libera, ma ti consigliamo una donazione minima di 4€. Questa cifra minima ci permette contemporaneamente di sostenere l’opera del regista e la gestione di questo sito.

Accetto i Termini e condizioni
Pagamento
I pagamenti vengono effettuati tramite PayPal. PayPal accetta pagamenti dalla maggior parte delle carte di debito / credito importanti senza un conto PayPal.
Rimborsi
Non garantiamo il rimborso, ma faremo di tutto per risolvere eventuali problemi. Il nostro obiettivo è la vostra soddisfazione al 100%.

Download
Dopo aver effettuato la donazione il link per il download viene inviato via e-mail. Se non arriva immediatamente, controllate in spam.

CONDIVIDI

Scarica i sottotitoli nella tua lingua

Sinossi

Nel 2011 Aziz scappa dalla Costa d’Avorio: le milizie armate del presidente neoeletto lo stanno cercando per il suo impegno politico. Viene catturato e torturato. Riesce a fuggire e inizia un viaggio disperato che lo conduce sulle coste italiane passando per il Mali islamista, la violenza del caos libico, per poi scontrarsi con la disorganizzazione dell’accoglienza europea a distanza di cinque anni dalla partenza. Ora vive a Sarcelles, banlieue a nord di Parigi.
Teslime, Diabate, Habiboullah e Kelvin sono ragazzi africani ospiti dei centri d’accoglienza di Ragusa gestiti dalla Cooperativa Filotea, condividono con Aziz molte esperienze vissute nel lungo viaggio per raggiungere l’Europa. Ogni capitolo del film è una tappa della loro traversata con approfondimenti della reporter Nancy Porsia che racconta il contesto libico, del giornalista Giampaolo Musumeci che spiega i meccanismi alla base della tratta di esseri umani, dell’avvocato Fulvio Vassallo Paleologo che sottolinea le discrepanze tra i diritti umani fondamentali e le politiche d’accoglienza degli ultimi anni.
Shuluq è il vento di Scirocco, che ripercorre le rotte dei migranti condividendo con loro i luoghi, la forza e la determinazione con il quale si muove. Le ambientazioni di Shuluq sono il campo rifugiati di Calais, di Idomeni in Grecia, le prigioni libiche, il Mar Mediterraneo, i centri d’accoglienza della Sicilia e la metropoli di Parigi dove Aziz cerca di realizzarsi.

Scheda Tecnica

Regia:
Soggetto: Martina De Polo
Montaggio: Francesco Saverio Valentino, Alex Scorza, consulenza Paolo Marzoni e Giuseppe Petruzzellis
Colonna sonora originale: Vanni Fiorelli e Andrea Grigolato
Fotografia: Francesco Saverio Valentino
Produzione: MaxMan Coop
Lingua Originale: Italiano, inglese, francese
Genere:
Anno:
Durata: 55 minuti
Formato:

HD

Festival

- Poverarte film festival Bologna
- Migrarti film festival, Cartabellotta
- Los Angeles CineFest, finalista
- Prisma Indipendent Film Award, Roma, premio best feature doc
- Festival Cinema D’Idea, Roma, semifinalista
- Sotanabe Documentary film and arts festival, Zambia