Fotofinish 2

s-documento a più punti di vista girato nel tempo

La donazione è libera, ma ti consigliamo una donazione minima di 4€. Questa cifra minima ci permette contemporaneamente di sostenere l’opera del regista e la gestione di questo sito.

Accetto i Termini e condizioni
Pagamento
I pagamenti vengono effettuati tramite PayPal. PayPal accetta pagamenti dalla maggior parte delle carte di debito / credito importanti senza un conto PayPal.
Rimborsi
Non garantiamo il rimborso, ma faremo di tutto per risolvere eventuali problemi. Il nostro obiettivo è la vostra soddisfazione al 100%.

Download
Dopo aver effettuato la donazione il link per il download viene inviato via e-mail. Se non arriva immediatamente, controllate in spam.

CONDIVIDI

Sinossi

Girato in occasione dell’operazione “2003, Odissea nello Spazio Zero” all’interno del Teatro Spazio Zero di Roma. Il documentario, filmato tra il 21 ottobre e il 30 novembre 2003, racconta la rappresentazione di Fotofinish non come opera unica e continuativa, ma come l’evolversi nel tempo degli umori e del movimento degli attori che, replica dopo replica, hanno maturato coscienza dello spazio e sono arrivati alla gioia della messa in scena. Partendo dai campi lunghi, girati durante i primi giorni, ci si è spinti sempre più vicini all’evento fino a salire con la telecamera sul palco. Inseguendo il ritmo spasmodico della dinamica performativa, impegnata a manifestarsi nella finzione, il contesto spaziale diventa realtà. La voce recitante, registrata durante una delle ultime repliche, è l’illusione percettiva che conduce l’opera verso un’unitarietà fatta di suoni fuori sincrono e salti prospettici. Il corpo del performer è in mutamento e viene raffigurato nei primi giorni, quando era tondo e sinuoso, e negli ultimi, quando è scarnito e scorticato. E l’unico elemento costante, incancellabile, torna a essere la voce stridula che non subisce l’onta del tempo e della fatica. Le immagini, finite di montare da Eugenio Smith nel 2006, mescolano gesti, applausi e consensi. E così anche il pubblico, sballottato dal montaggio, smette di essere entità per divenire frammento di se stesso: non più un solo pubblico a vedere la stessa performance ma tanti pezzi di pubblico a fremere per un’opera solo apparentemente compattata.

Scheda Tecnica

Regia:
Interpreti: Antonio Rezza, Armando Novara
(mai) scritto da: Antonio Rezza
Habitat : Flavia Mastrella
Assistente alla creazione: Massimo Camilli
Montaggio: Eugenio Smith
Immagini di: Marco Tani, Ivan Talarico, Eugenio Smith
Colonna sonora: George Garzone
Produzione: RezzaMastrella
Girato a: Roma Teatro Spazio Zero
Lingua Originale: Italiano
Genere:
Anno:
Durata: 75 minuti