Gabriele Gatti

Gabriele Gatti

Biografia

Gabriele Gatti, classe 1996 nato a Reggio Emilia. Si diploma al Liceo classico Rinaldo Corso e frequenta la facoltà di Lettere Classiche all'Università di Bologna. Inizia a lavorare come apprendista presso un videomaker locale e nel 2014 vince il concorso nazionale Viva la Vita con lo spot La giusta Strada. Continua a lavorare nell'ambito della comunicazione video e nel dicembre 2016 parte per i Balcani seguendo le ultime fasi dell'emergenza sulla Rotta Balcanica pubblicando il reportage Sopravvivere da Migranti nelle fabbriche abbandonate di Belgrado sul The Post Internazionale. Pubblica il secondo reportage sull'emergenza umanitaria di un orfanatrofio in Serbia (Vivere nel reparto per disabili di un orfanatrofio serbo) sempre sul TPI. Lavora scrivendo articoli e producendo videoreportage a fianco del fotografo Nicola Fornaciari. Al momento porta avanti un progetto sulla situazione delle zone rurali dell'Ucraina in relazione all'economia di guerra e in Grecia sull'accoglienza alternativa offerta dai gruppi anarchici nel quartiere di Exarchia ad Atene. Ha anche pubblicato sul giornale svizzero Il Caffè il reportage L'eterna caccia all'uomo nel porto di Patrasso. Nel 2017 è uscito il docu-film La Foto di Omid sulla condizione dei campi profughi al confine serbo-ungherese e nei capannoni abbandonati dietro la stazione dei treni di Belgrado. Il film indipendente è girato interamente da Gabriele Gatti con il racconto fotografico di Nicola Fornaciari. Il 13 Novembre hanno presentato il libro Il Segreto di Antonio Ferrari edito da Chiarelettere a Reggio Emilia presso la Libreria all'Arco. In Italia porta avanti una campagna di sensibilizzazione nelle scuole e nelle associazioni sui temi trattati nei suoi reportage.

Progetti correlati